Il bilancio di Cantina di Soave
01.12.2016

Il calendario 2017 di Cantina di Soave

Il nuovo anno è alle porte e Cantina di Soave riprende il viaggio intrapreso l’anno scorso alla scoperta della propria terra. Dopo il calendario d’esordio ambientato a Verona, la storica casa vitivinicola si addentra in un nuovo universo di bellezza: il calendario 2017 è infatti un tributo ad un’icona, un simbolo, una città senza tempo dove il passato e il presente convivono in equilibrio perfetto: Venezia.

Condividi sui social

Giò Martorana riprende il filo del racconto cominciato un anno fa, realizzando dodici fotografie di grande formato che non rappresentano Venezia, ma la fascinazione intensa che la città è in grado di suscitare.
Osservando le immagini e lasciandosi trasportare dalla narrazione tra ponti, calli, palazzi e canali, risulta chiaro che il nero delle gondole, delle maschere veneziane, dei pianoforti, delle ombre altro non è che l’altra faccia della luce: la vera protagonista. Sembrano fotogrammi di vecchi film in bianco e nero: nessun colore, solo vibrante solarità che allude e rimanda alla felicità immortalata in ogni scatto.
Il barocco veneziano, il carnevale, il festival del cinema e il vino stesso si intuiscono qua e là tra le righe di questo racconto sottile che non svela tutto quello che c’è da sapere e non intacca mai quell’alone di mistero che è proprio di Venezia.
«Il calendario di Cantina di Soave – spiega il Direttore Generale Bruno Trentini – è un viaggio simbolico, che proseguirà anche negli anni a venire, per rendere omaggio, attraverso il vino, a quelle città che da sempre rendono grande l’Italia nel mondo. La bellezza dei luoghi, dei soggetti e delle situazioni immortalate diventa così lo specchio della qualità dei vini. Nel suo complesso l’opera è un vero e proprio tributo a quello stile di vita tutto italiano, fatto di eleganza e indescrivibile fascino, che rende unico il nostro Paese».

Maddalena Peruzzi
Ufficio Stampa e Comunicazione